Ok definitivo alla riforma del condominio
PRATICHE EDILIZIE - RISTRUTTURAZIONI MILANO ING. MADEO -
RSS

Post più popolari

DETRAZIONE 50% RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE
Pensiline e tettoie, serve il permesso di costruire
SANATORIA DI UN APPARTAMENTO
REGOLARIZZAZIONE PLANIMETRIA CATASTALE
RECUPERO SOTTOTETTO

Categorie

CONSUMO ENERGETICO
DIA E SCIA MILANO
INSEGNE MILANO
PRATICA SISMICA
PRATICHE COMUNALI
PRATICHE EDILIZIE
RECUPERO SOTTOTETTO
RIFORMA DEL CONDOMINIO
RISTRUTTURAZIONE
SANATORIA EDILIZIA
SENTENZE CASSAZIONE
SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO
powered by

Il mio blog

Ok definitivo alla riforma del condominio

 
Ok definitivo allariforma del condominio
 
Via a cambi d’uso delle parti comuni, innovazione e sostegnoalle rinnovabili, misure operative dopo sei mesi dalla pubblicazione
 
22/11/2012 - Cambi di destinazione d'uso nelle parti comuni, installazione di impianti alimentati darinnovabili, rimozione delle barriere architettoniche e partecipazione a progetti di recupero urbano e riqualificazione del patrimonio edilizio. Sono gli ambiti d'azione della riforma del condominio, approvata definitivamente dal Senato, che diventerà operativa dopo sei mesi dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.
 
Interventi nelle parti comuni
Secondo il testo approvato, per soddisfare esigenze di interesse condominiale, l’assemblea può modificare la destinazione d’uso delle parti comuni, con un numero di voti che rappresenti i quattro quinti dei partecipanti al condominio e i quattro quinti del valore dell’edificio.

Sono vietate le modificazioni delle destinazioni d’uso che possono mettere a rischio la stabilità o la sicurezza del fabbricato,ma anche alterarne il decoro architettonico.

Nel caso in cui le attività incidano negativamente sulle parti comuni, l’amministratore o i condomini possono diffidare l’esecutore e chiedere la convocazione dell’assemblea per far cessare la violazione. La decisione è presa secondo le modalità previste dall’articolo1136: se sono presenti i condomini che rappresentano un terzo dei millesimi condominiali è sufficiente il 50% dei voti più uno.

La legge specifica anche cosa si intende per parti comuni del condominio, cioè parti dell’edificio necessarie all’uso comune,come il suolo su cui sorge l’edificio, le fondazioni, i muri maestri, i pilastri e le travi portanti, i tetti e i lastrici solari, le scale, i portoni di ingresso, i vestiboli, gli anditi, i portici, i cortili, le facciate, le aree destinate a parcheggio. Rientrano nel gruppo anche i locali per i servizi in comune, come la portineria, la lavanderia, gli stenditoi, le installazioni come gli ascensori, i pozzi, le cisterne, gli impianti idrici e fognari e isistemi centralizzati di distribuzione e di trasmissione dell’energia.

Innovazioni e barriere architettoniche
Se sono presenti i condomini che rappresentano un terzo dei millesimi condominiali, con il 50% dei voti più uno si possono decidere innovazioni che incidono su diversi ambiti, come la sicurezza e la salubrità degli edifici e degli impianti, la rimozione delle barriere architettoniche, il contenimento del consumo energetico degli edifici e la realizzazione di parcheggi.

Impianti alimentati da fonti rinnovabili
Il testo consente l’installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili destinati al servizio di singoleunità del condominio sul lastrico solare, su superfici comune e sulle parti d iproprietà individuale dell’interessato. Qualora si rendano necessarie modificazioni delle parti comuni, l’interessato lo comunica all’amministratore. L’assemblea può quindi decidere di ripartire l’uso del lastrico solare e delle altre superfici comuni, salvaguardando le diverse forme di utilizzo in atto e previste dal regolamento.

Distacco da impianti centralizzati
Il singolo condomino può decidere di staccarsi dall’impianto centralizzato di riscaldamento o
di condizionamento a patto che dal suo distacco non derivino notevoli squilibri di funzionamento o aggravi di spesa per gli altri condomini. In tal caso dovrà continuare a contribuire al pagamento delle spese per la manutenzione straordinaria dell’impianto, per la sua conservazione e messa anorma.

Partecipazione a progetti di riqualificazione urbana
Per favorire il recupero del patrimonio edilizio esistente, la vivibilità urbana, la sicurezza e la sostenibilità ambientale della zona in cui il condominio è ubicato, l’assemblea può autorizzare l’amministratore a partecipare e collaborare a progetti, programmi e iniziative territoriali promossi dalle istituzioni locali o da soggetti privati qualificati implicanti opere di risanamento di parti comuni degli immobili, ma anche demolizione, ricostruzione e messa in sicurezza statica

Sito web
Su proposta dell’assemblea,l'amministratore è tenuto ad attivare un sito web del condominio, le cui spesesono a carico dei condomini, su cui sia possibile consultare i documentiprevisti dalla delibera assembleare.