Il gazebo diventa abusivo se non è più amovibile e precario
PRATICHE EDILIZIE - RISTRUTTURAZIONI MILANO ING. MADEO -
RSS

Post più popolari

DETRAZIONE 50% RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE
Pensiline e tettoie, serve il permesso di costruire
SANATORIA DI UN APPARTAMENTO
REGOLARIZZAZIONE PLANIMETRIA CATASTALE
RECUPERO SOTTOTETTO

Categorie

CONSUMO ENERGETICO
DIA E SCIA MILANO
INSEGNE MILANO
PRATICA SISMICA
PRATICHE COMUNALI
PRATICHE EDILIZIE
RECUPERO SOTTOTETTO
RIFORMA DEL CONDOMINIO
RISTRUTTURAZIONE
SANATORIA EDILIZIA
SENTENZE CASSAZIONE
SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO
powered by

Il mio blog

Il gazebo diventa abusivo se non è più amovibile e precario

 
Il gazebo diventa abusivo se non è più amovibile e precario
 
CdS: la sostituzione di strutture portanti può alterare i luoghie causare un incremento del carico urbanistico
 
11/01/2013 - Se un gazeboperde le sue caratteristiche di precarietà per la sostituzione delle strutture portanti, determina un’alterazione dello stato dei luoghi e un incremento del carico urbanistico. Motivi in base ai quali può essere considerato abusivo.

È la sintesi tracciata dal Consiglio di Stato, che con la 
sentenza6382/2012  si è espresso sul caso di un gazebo installato dal proprietario di un ristorante.
 
Dopo l’autorizzazione, il Comune aveva infatti intimato la demolizione del manufatto, al quale erano state sostituitele strutture portanti.

Inizialmente il gazebo era costituito da una struttura precaria, facilmente smontabile e asportabile. In un secondo momento era stata autorizzata l’installazione di serramenti in alluminio e vetro ed erastata presentata la Dia per la sostituzione della copertura.

Durante il sopralluogo del Comune, i tecnici avevano rilevato che la sostituzione del telo plastificato stava avvenendo non con materiali in perline di legno e lamiera aggraffata, ma con travi in legn di grandi dimensioni. Allo stesso tempo, stavano per essere realizzati la ripavimentazione e la dotazione di un impianto elettrico, sonoro e diclimatizzazione.

In seguito ai rilievi, il Comune aveva quindi adottato un’ordinanza di demolizione, alla quale il proprietario aveva risposto presentando domanda di sanatoria, rigettata perché la volumetria realizzata risultava incompatibile col rispetto della disciplina urbanistico – edilizia.

Dopo il ricorso presentato dl proprietario,secondo il quale il rigetto della sanatoria si basava solo sulla dimensionedelle travi, il Consiglio di Stato ha concluso che il gazebo aveva perso iconnotati di precarietà e amovibilità che ne avevano legittimatol’installazione.
 
PER INFORMAZIONI E PREVENTIVI CONTATTACI