Distanze tra edifici, rilevanti tutti gli elementi costruttivi
PRATICHE EDILIZIE - RISTRUTTURAZIONI MILANO ING. MADEO -
RSS

Post più popolari

DETRAZIONE 50% RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE
Pensiline e tettoie, serve il permesso di costruire
SANATORIA DI UN APPARTAMENTO
REGOLARIZZAZIONE PLANIMETRIA CATASTALE
RECUPERO SOTTOTETTO

Categorie

CONSUMO ENERGETICO
DIA E SCIA MILANO
INSEGNE MILANO
PRATICA SISMICA
PRATICHE COMUNALI
PRATICHE EDILIZIE
RECUPERO SOTTOTETTO
RIFORMA DEL CONDOMINIO
RISTRUTTURAZIONE
SANATORIA EDILIZIA
SENTENZE CASSAZIONE
SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO
powered by

Il mio blog

Distanze tra edifici, rilevanti tutti gli elementi costruttivi

 
Distanze tra edifici, rilevanti tutti gli elementi costruttivi
 
CdS: non vanno computate le parti di dimensioni ridotte che non pregiudicano la sicurezza
 
29/11/2010 - Tutti glielementi costruttivi hanno rilievo per il calcolo delle distanze, indipendentemente dalla loro funzione. Lo ha affermato il Consiglio di Stato che, con la sentenza 7731/2010d el 2 novembre scorso, ha spiegato che per essere presi in considerazione glielementi devono presentare i caratteri di solidità, stabilità e immobilizzazione. A meno che le loro dimensioni non siano tanto modeste o puramente decorative da non compromettere la sicurezza, la salubrità e l’igienedell'edificio.
 
Il CdS ha specificato che in base al DM 1444/1968, la distanza di 10 metri tra le pareti finestrate di edifici antistanti deve essere calcolata in riferimento a ogni punto del fabbricato,non considerando solo le parti che si fronteggiano, a prescindere dal fatto che si trovino o meno in posizione parallela.

Per il computo delle distanze non devono essere tenuti in considerazione gli sporti, cioè mensole, lesene, risalti verticali delle parti con funzione decorativa, canalizzazioni di gronde e loro sostegni.Vanno invece tenute presenti le sporgenze di dimensioni maggiori, che possono essere destinate ad ampliare la parte utilizzabile per l'uso abitativo per l'intero fronte dell'edificio.

Secondo il CdS, poi, il DM 1444/1968 ha ilcarattere di norma primaria. Prevale e quindi sostituisce eventuali disposizioni contrarie contenute nelle norme tecniche di attuazione e nel regolamento edilizio.

La sentenza ha anche chiarito con maggiore certezza cosa si intende per volumi tecnici, destinati esclusivamente agli impianti necessari per l'utilizzo dell'abitazione e che non contribuiscono a formare volumetria perché non possono essere ubicati al suo interno.
Devono quindi essere computati nel volume dell’edificio soffitte, stenditoi e sottotetti.
 
PER INFORMAZIONI E PREVENTIVI CONTATTACI