Dal permesso di costruire alla Scia
PRATICHE EDILIZIE - RISTRUTTURAZIONI MILANO ING. MADEO -
RSS

Post più popolari

DETRAZIONE 50% RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE
Pensiline e tettoie, serve il permesso di costruire
SANATORIA DI UN APPARTAMENTO
REGOLARIZZAZIONE PLANIMETRIA CATASTALE
RECUPERO SOTTOTETTO

Categorie

CONSUMO ENERGETICO
DIA E SCIA MILANO
INSEGNE MILANO
PRATICA SISMICA
PRATICHE COMUNALI
PRATICHE EDILIZIE
RECUPERO SOTTOTETTO
RIFORMA DEL CONDOMINIO
RISTRUTTURAZIONE
SANATORIA EDILIZIA
SENTENZE CASSAZIONE
SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO
powered by

Il mio blog

Dal permesso di costruire alla Scia

 
Ristrutturazioni: dal permesso di costruire alla Scia
 
Le proposte del Dl di maggio: semplificazione anche per i lavoriche modificano volume, unità immobiliari e sagoma degli edifici
 
27/04/2011 - Semplificazionidei titoli abilitativi in edilizia e liberalizzazione delle ristrutturazioni, per le quali diventerebbe sufficiente la Scia. Consisterebbe nella modifica del Testo unico dell’edilizia una delle iniziative a sostegno della crescita economica, da formalizzare in un decreto legge che potrebbe approdare su ltavolo del Consiglio dei Ministri entro il 6 maggio prossimo
 
Secondo quanto si apprendedagli organi di stampa, i contenuti del testo, che trae la sua origine dal programma nazionale di riforma contenuto nel Def, documento di economia e finanza, riprenderebbero alcune proposte delDl “Calderoli”, già discusso in CdM a febbraio (Leggi Tutto).

Ristrutturazioni con Scia invece che con permesso di costruire
Il testo potrebbe introdurre modifiche al Dpr380/2001, Testo Unico dell’edilizia, facendo passare leristrutturazioni dall’ambito di applicazione del permesso di costruire a quello della Scia.
Sarebbero quindi semplificati i lavori cheportano a un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente e che comportino aumento di unità immobiliari, modifiche del volume, della sagoma, dei prospetti o della superficie.

Il programmanazionale di riforma contenutonel Def, documento di economia e finanza, già proponeva di introdurre il silenzio-assenso per il rilascio del permesso di costruire e di estendere la Scia nei piccoli interventi che non implicano incrementi della cubatura.


A suo tempo, inoltre, il Dl “Calderoli” aveva proposto di elevare da 50 a 70 anni l'età che un edificio deve avere per essere considerato storico e quindi sottoposto a tutela. Aumenterebbero così lepossibilità di intervento sugli edifici, ma al tempo stesso sarebbero tutelatele costruzioni razionaliste. Un contenuto che dovrebbe essere ripreso ne iprossimi Consigli dei Ministri.
 
PER INFORMAZIONI E PREVENTIVI GRATUITI CONTATTACI SENZA IMPEGNO