Il mio blog
Nome azienda - Messaggio aziendale
RSS

Post più popolari

DETRAZIONE 50% RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE
Pensiline e tettoie, serve il permesso di costruire
SANATORIA DI UN APPARTAMENTO
REGOLARIZZAZIONE PLANIMETRIA CATASTALE
RECUPERO SOTTOTETTO

Categorie

CONSUMO ENERGETICO
DIA E SCIA MILANO
INSEGNE MILANO
PRATICA SISMICA
PRATICHE COMUNALI
PRATICHE EDILIZIE
RECUPERO SOTTOTETTO
RIFORMA DEL CONDOMINIO
RISTRUTTURAZIONE
SANATORIA EDILIZIA
SENTENZE CASSAZIONE
SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO
powered by

Il mio blog

Sospeso il titolo abilitativo se non si presenta il Durc

 

Necessario il permesso di costruire per realizzare una veranda

 
Necessario ilpermesso di costruireper realizzare una veranda
 
Cassazione: la chiusura di balconi non può essere considerataun’opera di manutenzione
 
13/06/2011 - I lavori dichiusura di un balcone necessitano di unpermesso di costruiree non possonoessere considerati interventi dimanutenzione straordinaria.
 
Lo ha affermato laCorte di Cassazionecon una pronuncia del mesescorso.

Nel caso preso in esame, un privato affermava diaver effettuato i lavori per proteggersi dalle infiltrazioni d’acqua.

Dal permesso di costruire alla Scia

 
Ristrutturazioni: dalpermesso di costruireallaScia
 
Le proposte del Dl di maggio: semplificazione anche per i lavoriche modificano volume, unità immobiliari e sagoma degli edifici
 
27/04/2011 - Semplificazionidei titoli abilitativi in edilizia e liberalizzazione delleristrutturazioni, per le quali diventerebbe sufficiente laScia. Consisterebbe nella modifica del Testo unico dell’edilizia una delle iniziative a sostegno della crescita economica, da formalizzare in un decreto legge che potrebbe approdare su ltavolo del Consiglio dei Ministri entro il 6 maggio prossimo

Avvio dei lavori con la SCIA

Con laScianessuna attesa per l’avvio dei lavori edili
Approvata in via definitiva alla Camera la manovra economica, semplificazioni per l’attività di impresa e il settore costruzioni
 
30/07/2010 - Diventa legge la manovraper la stabilizzazione finanziaria e la competitività economica.
 
 
Dopo l’apposizione della fiducia da parte del Governo, passata mercoledì con 329 sì e 275 no, ieri la Camera ha dato l’ok al ddl per la conversione del DL 78/2010, che è passato senza modificazioni con 321 voti favorevoli, 270 contrari e 4 astenuti.

Scia, un vademecum per i progettisti

 
Scia, un vademecumper i progettisti
 
Ok alla nuova procedura per restauro, risanamento conservativo e ristrutturazioni senza mutamenti di volume e sagoma
 
Resta altal’attenzione dei progettisti sulla Scia, la Segnalazione certificata di inizio attivitàche ha sostituito la Dia. Con unanotadelMinistero per la semplificazione normativa, lo snellimento delle procedure, introdotto con lamanovra estiva, è stato definitivamente esteso all’edilizia.
 

DIA E SCIA MILANO

Scia, a Milano non sostituisce la Dia
Sportello unico per l’edilizia: il nuovo titolo abilitativo è un'alternativa alla denuncia di inizio attività
18/02/2011 - A MilanoDia e Sciasono alternative. Lo stabilisce la circolare 4/2010 emanata dal Comune per chiarire l’applicazione dellamanovra estiva. Questa impostazione dovrà confrontarsi con i nuovi orientamenti del Governo.
 

Secondo loSportello unico per l’edilizia, laScianon sostituisce obbligatoriamente la Dia.

SCIA MILANO

DIA ESCIAMILANO
 
Il Comune rende il proprio parere sullaSCIAe fa il riepilogo delle procedure edilizie in vigore nel proprio territorio.
 
Con laCircolare in data 13/12/2010, n. 4,il Comune di Milano, Direzione Settore Sportello unico per l'edilizia, ha fornito importanti indicazioni in merito alle procedure edilizie applicabili nel Comune, ed in particolare in merito alla possibile sostituzione della procedura diDIA(Denuncia di inizio attività) con la procedura di SCIA (Segnalazione certificata di inizio attività

RECUPERO SOTTOTETTO

 
 
leggi regionali - Regione Lombardia
 
LEGGE REGIONALE 11/03/2005, N.12- Legge per il governo delterritorio abitativo dei sottotetti esistenti
 
LEGGE REGIONALE 27/1272005 N. 20- Modifiche alla leggeregionale 11 marzo 2005, n. 12 (Legge per il governo del territorio), inmateria direcupero abitativo dei sottotettiesistenti
 
disposizioni e circolari comunali - Comune di Milano

RISTRUTTURARE CASA, CONSIGLI, COSTI, NORMATIVE

Ristrutturare casa: consigli, costi, normative
Ristrutturare casa, per necessità o perinvestimentoè un momento importante della propria vita con costi e sacrifici non indifferenti. Le scelte da effettuare sono molte e diverse: normative, adempimenti burocratici, rapporti con la ditta, scelta dei materiali e degli arredi, soluzioni innovative o tradizionali.
L'aiuto di unarchitettopermette di rendere tutto più agevole: noi ci occupiamo della soddisfazione del nostro committente consigliando le migliori soluzioni per le sue esigenze e per il tipo di investimento che intende effettuare.

LE RESPONSABILITA' E GLI OBBLIGHI DEL TITOLARE DI UN LAVORO EDILE

Le responsabilità e gli obblighi del titolare di un lavoro edilizio
Anche per piccoliinterventi edili, come le tipicheristrutturazionidi appartamenti, il committente (proprietario, affittuario, etc.) ha delle precise responsabilità che spesso sono poco conosciute ma che possono comportare sanzioni importanti.
Come definire il committente?
Ilcommittente è la figura che commissiona un lavoro, indipendentemente dall’entità o dall’importo dello stesso. Può essere unapersona fisica

CONFORMITA' URBANISTICA ED EDILIZIA

Conformità urbanistica ed edilizia di un immobile
Ogni immobile viene legittimato e reso conforme alla normativa edilizia con un progetto depositato al comune. Conoscere la conformità edilizia e urbanistica è utile in caso di trasferimento o accensione di un mutuo. Le responsabilità della conformità in caso di rogito non sono del notaio ma del venditore, per tutelarsi è possibile affidare la redazione di una dichiarazione ad un tecnico abilitato.
 
Regolarità urbanistica

REGOLARIZZAZIONE PLANIMETRIA CATASTALE

Regolarizzare casa con planimetria catastale non conforme prima del rogito
Prima dell’atto di compravendita (rogito) di un immobile è necessario verificare lacorrispondenza della planimetria catastale con lo stato di fatto, pena la nullità dell’atto. Questa novità è stata introdotta dal 1 Luglio 2010 con importanti conseguenze per coloro che devono vendere una casa. Numerosi immobili, in particolare appartamenti in condominio, sono stati modificati negli anni passati senza richiedere la relativa autorizzazione o senza provvedere all’aggiornamento della planimetria catastale in seguito agli interventi di modifica della distribuzione interna (spostamento di tramezzi, creazione di nuove stanze e/o bagni).

CONDONO E SANATORIA

Differenza tra Sanatoria e Condono
 
Nella pratica professionale capita spesso di percepire che non si comprenda la differenza tra Condono eSanatoria: cerchiamo di fare chiarezza sull'argomento.
Nella pratica professionale mi capita di frequente che clientiravvedutimi si rivolgano per chiedere ilcondonoper lavori edili eseguiti inassenza di titolo autorizzativo.

In effetti non è molto chiara la differenza traCondono edilizioeSanatoria ediliziae se questo può essere comprensibile per delle persone che non sono addetti ai lavori, appare quantomeno preoccupante quando a non capirla sono gli stessi colleghi, soprattutto se giovani e inesperti.

INTERVENTI EDILIZI MAGGIORI - MILANO

Gli interventi edilizi maggiori - COMUNE DI MILANO


Sono considerati interventi edilizi maggiori le opere di:
Per questi tipi di intervento occorre presentare denuncia di inizio attività (ex regime concessorio) art. 41 LR 12/05 (c.d.DIAonerosa o SuperDIA) o richiedere permesso di costruire (ex concessione edilizia) art. 33 LR 12/05 (vedi moduli allegati).Disposizione transitoria per effettuare interventi edilizi con " modalità diretta convenzionata" ex art.

Interventi edilizi minori - comune Milano

Gli interventi edilizi minori - COMUNE DI MILANO

Sono considerate Interventi Edilizi Minori le sottoelencate tipologie:
  1. gli interventi di manutenzione straordinaria di cui all'articolo 3,1 lettera b), D.P.R. 380/200, ivi compresa l'apertura di porte interne o lo spostamento di pareti interne, sempre che non riguardino le parti strutturali dell'edificio, non comportino aumento del numero delle unità immobiliari e non implichino incremento dei parametri urbanistici;
  2. le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee e ad essere immediatamente rimosse al cessare della necessità e, comunque, entro un termine non superiore a novanta giorni;